Filosofia

adottati2La nostra idea di fundraising si fonda sul principio di senso di comunità, null’altro che una naturale evoluzione del senso comune descritto da Voltaire nel suo Dizionario filosofico ormai circa 250 anni fa.

Senso comune (Sens commun). Si trova a volte in espressioni correnti un’immagine di ciò che si agita in fondo al cuore degli uomini. Sensus communis significava per i Romani non solamente il senso comune, ma anche il senso di umanità e sensibilità. Poiché siamo da meno dei Romani, questa locuzione significa la metà di ciò che significava allora. Ci serve ora soltanto per significare il buon senso, la ragione più elementare, ragione incipiente, stato di mezzo tra la stupidità e l’acume.

Ecco, io sono ciò che il senso comune di Elsa Fornero definisce choosy.

“Non l’ha detto veramente.” Ho subito pensato quando l’udii al telegiornale. Sì perché in un momento di difficoltà come questo non si può chiedere ai giovani di sacrificare al contempo le proprie pensioni e i propri sogni. Sarebbe troppo lontano dall’acume, anzi proprio stupido. A maggior ragione se non si dà prima il buon esempio, sviluppando il proprio senso comune fino a trasformarlo in qualcosa di più globale, in senso di comunità.

Già lo sappiamo, noi giovani, che non possiamo più permetterci di scegliere, ma almeno non prendeteci per il culo. Io mi sono sempre sbattuto. Mi sono sbattuto negli anni della malattia, mi sono sbattuto durante quelli della gavetta sottopagata, e ho intenzione di sbattermi ancora, oggi, per diventare uno scrittore professionista. La storia ci pone giovani in un momento di difficoltà ed è da noi che ci si aspetta lo sforzo maggiore per risorgere, questo è giusto, ma non è accontentandoci che ce la faremo.

La notte è più buia subito prima dell’alba.

Si diceva in un famoso film, e secondo me ci troviamo esattamente in questo delicato istante. Già lo sappiamo che non possiamo più permetterci di scegliere, ma non sta a voi dirlo. Sta a noi combattere coi nostri sogni infranti, non a voi imporcelo.

Stay hungry, stay choosy.

Io ho deciso di continuare a combattere per i miei sogni, non contro di essi, perché è raschiando il fondo con maggior fame che usciremo dalla crisi, non accontentandoci. Chi può resistere, resista. E i giovani che resistono, presto o tardi, risorgano come uomini migliori, con a cuore anche la sorte di quelli che oggi si sono dovuti accontentare, combattendo contro i propri sogni e non per essi. Con questo ideale, nel mio piccolo, voglio continuare a lottare, sviluppando il mio senso comune in senso di comunità, dando il buon esempio, facendo ciò che chiedo agi altri di fare: lavorare per aiutarsi, aiutando. Per questo motivo, ho deciso di legare ogni mia opera ad un progetto benefico al quale andrà una parte della vendita di ogni singolo libro. Copia su copia, ogni organizzazione riceverà quel che le spetta per il suo merito, cioè la cura che ha del prossimo senza secondi fini. In altre parole per il proprio senso di comunità.

ML

Se sei una ONLUS e vuoi informazioni sul nostro progetto di fundraising contattaci qui